Giretto d’Italia 2016 – “Bike to work – bike to school”

Anche Brescia ha partecipato al Giretto d’Italia per una nuova mobilità

Il 21 settembre è andato in scena il 6° campionato della ciclabilità urbana organizzato da Legambiente e VeloLove in collaborazione con Euromobility e Fiab

La bicicletta può migliorare la mobilità quotidiana? Quante persone usano le due ruote per andare a scuola o al lavoro? Il Giretto d’Italia 2016, organizzato da Legambiente e VeloLove in collaborazione con Euromobility e Fiab, con la partecipazione di CNH Industries, è tornato a monitorare il “traffico ciclistico” nelle città per accendere i riflettori sulla realtà dei “pendolari delle due ruote”.

Mercoledì 21 settembre, nell’ambito della Settimana europea della mobilità sostenibile (16 – 22 settembre), insieme ad altre 16 città, anche a Brescia sono stati monitorati i passaggi di coloro che scelgono la bicicletta per recarsi al lavoro. Il conteggio è avvenuto tramite appositi check-point allestiti agli ingressi dello stabilimento Iveco (CNH) in via Volturno, via Fiume e via Franchi.

In una giornata purtroppo piovosa, più di 120 persone hanno comunque preso la bicicletta per raggiungere l’azienda. Il nutrito gruppo di “lavoratori-ciclisti”, sebbene ridotto rispetto al solito per il cattivo tempo, testimonia due temi centrali per Brescia: da una parte conferma la presenza nella nostra città di uno zoccolo duro di cittadini che non rinuncia a spostarsi in bicicletta nonostante i tanti ostacoli presenti sulle nostre strade (percorsi ciclabili mancanti o interrotti, mancata manutenzione, traffico…); dall’altra dimostra la necessità di un impegno molto più deciso da parte dell’Amministrazione Comunale per rendere Brescia una città a misura di bicicletta (con piste ciclabili sicure e continue, zone 30…), per convincere anche chi oggi rinuncia alla bici per timore o abitudine e dare così la spinta indispensabile per aumentare il numero di ciclisti presente in città.

Nell’attesa di vedere se nei prossimi mesi le politiche per la ciclabilità promesse dall’Amministrazione Comunale verranno realizzate davvero, il Giretto d’Italia è stato un modo simbolico per rendere visibile quel “traffico ciclistico” che normalmente non è misurato nelle indagini statistiche sullo stato della mobilità. Perché riuscire a far crescere gli spostamenti in bici (oltre che a piedi e con il trasporto pubblico) vuol dire non solo ridurre traffico e smog, ma anche contribuire in misura decisiva a un concreto miglioramento della qualità della vita nella nostra città.

All’iniziativa è stata abbinata un’estrazione a premi, che ha visto riconosciuta la sensibilità di chi si è recato al lavoro sulle due ruote. Nella foto allegata Antonella Piacentini, vincitrice del primo premio, una magnifica city bike, insieme ai responsabili dello stabilimento IVECO e al presidente di Legambiente Brescia, Carmine Trecroci.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...