Risultati modesti per il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti!

I cittadini stanno dando una buona prova di collaborazione e senso civico nell’affrontare il cambio di metodo di raccolta dei rifiuti. Il 2016 ha visto tre importanti progressi:

  • la città ha riconosciuto i limiti del sistema cassonetto + incenerimento;
  • il tema della separazione corretta degli scarti è stato riportato al centro dell’attenzione;
  • si è registrato un incoraggiante aumento della quantità di rifiuti differenziati (circa 8mila tonnellate in più), ma la raccolta non è iniziata in tutti quartieri.

Tuttavia i dati provvisori diffusi per il 2016 confermano anche che i difetti congeniti del sistema misto comporteranno costi e sprechi che vanificano in buona parte l’impegno della cittadinanza.
Il successo dell’introduzione di un nuovo sistema di raccolta si misura soprattutto in termini di riduzione della quantità prodotta di rifiuti: grazie a prevenzione, riuso e riciclo, la quantità pro capite di rifiuti deve scendere, specialmente laddove il punto di partenza è particolarmente elevato, come a Brescia nel 2015 (quasi 700 kg/ab/anno).
Con il sistema misto applicato a 3/5 della città:

  •  la quantità prodotta di rifiuti non è diminuita significativamente rispetto al sistema precedente;
  • la percentuale di rifiuti effettivamente avviati a riciclo (ignota ma presumibilmente pari al 40%) è salita solo marginalmente ed è ben lontana dagli obiettivi regionali (avvio a recupero di materia di almeno il 65% al 2020) ed europei
  • il costo/ab. nel 2016 è cresciuto del 7% e per esempio è superiore a quello del porta a porta di Bergamo (che presenta ben altri risultati in termini di riduzione di rifiuti e RD, 65.5%).

La percentuale di RD: cresciuta di meno di 7 punti, quasi per metà grazie al verde (arrivato a 117 kg/ab/anno), la più bassa tra i capoluoghi lombardi (obiettivo: 65% nel 2020)
Inoltre, sono aumentati i disagi per i cittadini: i rifiuti abbandonati accanto ai cassonetti calottizzati sono tantissimi e in crescita, come accaduto in tutti i Comuni che hanno adottato questo sistema. Il gestore ha potenziato la raccolta dei rifiuti abbandonati nelle zone calottizzate, ma giocoforza riducendo le energie disponibili per le altre zone. Risultato: le zone non ancora raggiunte dal sistema misto hanno visto un deciso aumento della sporcizia e cassonetti visibilmente più pieni e svuotati meno frequentemente, anche per effetto di una consistente migrazione dei rifiuti tra le zone.
Le proposte di Legambiente:

  • eliminare i green box e organizzare un servizio di raccolta domiciliare a contributo per la frazione vegetale;
  • incremento del numero e promozione dell’accesso alle isole ecologiche;
  • offrire una raccolta domiciliare «chiavi in mano» alle utenze condominiali;
  • riorganizzare la raccolta domiciliare su più giorni e con un ruolo per le isole ecologiche molto più spinto;
  • promuovere e incentivare il compostaggio domestico;
  • attivare una più convincente campagna di educazione, a partire dalle scuole e dalle utenze collettive;
  • eliminare i cassonetti stradali e puntare risolutamente alla raccolta porta a porta con tariffazione puntuale;
  • aderire al protocollo dell’Associazione Comuni Virtuosi.

Le altre città grazie a porta a porta e tariffazione puntuale riducono sensibilmente produzione e costo dei rifiuti.
Brescia può e deve fare altrettanto!

Qui sotto il report completo presentato alla stampa nella conferenza stampa di oggi.

Leggi la versione integrale del documento – Brescia waste 2016

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...